Domande e dubbi?

Scrivete al nostro esperto che vi saprà consigliare e rispondere per una cura secondo natura.

Domanda

Buon giorno, ho letto su fb il post che avete pubblicato riguardo ai benefici del sole e la posizione riguardo ai filtri solari, però mi sorgono dei dubbi su cosa utilizzare per le mie bimbe di un anno: è sufficiente il fluido totale assieme al burrò di karitè? Inoltre volevo chiedere che prodotti della Vs linea posso utilizzare dato che soffro di infiammazioni ricorrenti ai tendini , al nervo sciatico e di endometriosi. Non devono però aumentare il livello di ferro nel sangue perché ho una lieve emocromatosi. Grazie del Vs aiuto.

Risposta dell'esperto

Gentilissima Silvia,

il nostro post non voleva essere un attacco contro le protezione solari: i danni che il sole in determinate condizioni può provocare sono indiscutibili; voleva invece essere un punto di partenza per riflettere con senso critico, sulla tendenza diffusa a considerare  l'esposizione al sole come un qualcosa da evitare totalmente. Come e sempre un atteggiamento moderato e di buon senso è la strada migliore.

 Considerando che:

> la radiazione UVB è l'unica forma di luce solare che produce l'importante vitamina D e che la sua intensità varia a seconda dell'altezza del sole (più alto, maggiori sono gli UVB);

> l'orario centrale è certamente quello più a rischio per le bruciature e irritazioni solari, soprattutto sulla pelle delicata di un bambino;

Il consiglio generale per la protezione delle sue bimbe nel periodo estivo è:

1- per le passeggiate in zone ombrose sono più che sufficienti il Fluido Totale o il Burro di Karitè;

2- piccole esposizioni appena fuori le ore di punta, ad esempio intorno a metà mattina (10:00) o metà pomeriggio (15:00); in estate infatti questi sono i momenti migliori, poichè la  presenza di UVB è abbastanza forte da conferire un vantaggio della vitamina D, ma c'è meno rischio di ustioni rispetto al sole di mezzogiorno. Si consiglia di procedere in modo graduale, per consentire alla cute di sviluppare la melanina, partendo da 5 minuti di esposizione senza filtri solari, fino ad aumentare gradualmente a 30 minuti, almeno 3 volte alla settimana. Importante esporre almeno il viso, le braccia, le mani e le gambe.

3- per esposizioni vere e proprie e prolungate utilizzi dei filtri solari con spf 30 oppure 50+ a seconda della carnagione delle bimbe, scegliendo possibilmente tra i vari marchi in base alle formule inci. É bene fare attenzione agli ingredienti che possono risultare irritanti o tossici.

Teniamo sempre conto che se si verifica un l'arrossamento della pelle, è segno che si è preso troppo sole. L'esposizione alla luce del sole è meglio che avvenga con moderazione, le proteine e il tessuto genetico restano danneggiati ogni volta che si verificano ustioni cutanee il che aumenta il rischio di cancro della pelle. Se si rimane fuori al sole per lunghi periodi di tempo, è bene quindi assicurarsi di indossare un cappello a tesa larga e abiti in grado di proteggere le zone del corpo che sono più soggette alle scottature (viso, orecchie, collo, spalle e schiena ).

Per quanto riguarda invece le sue infiammazioni ricorrenti, consiglio l'abbinamento di Curcuma (http://www.eosnatura.com/it/prodotti/fitorimedi-naturali/linea-silver/) e Boswellia (http://www.eosnatura.com/it/prodotti/fitorimedi-naturali/linea-silver/eos-boswellia.php) a cicli di 3 mesi, da ripetere 2-3 volte l'anno.

Resto a sua disposizione,

saluti